News

 

Detenzione di abbigliamento con marchi contraffatti: pur sussistendo il reato, la condotta può essere non punibile

  • 27/11/2017

Con  Sentenza n. 48109 del 18 ottobre 2017, la Corte di Cassazione ha precisato che la detenzione per la vendita di capi di abbigliamento recanti marchio contraffatto integra il delitto di cui all’art. 474 c.p. (introduzione nello Stato e commercio di prodotti con segni falsi).

Scopo della predetta disposizione è la tutela dell’affidamento della collettività nei marchi e nei segni distintivi. Il reato in questione, dunque, deve ritenersi integrato anche in presenza di un “falso grossolano”, il quale sussiste ogniqualvolta un’imitazione di un marchio o di un segno sia talmente goffa da non poter oggettivamente ingannare l’acquirente in merito alla provenienza illecita del bene.

Sennonché, proprio la grossolanità del falso può essere idonea ad evidenziare come la condotta sia particolarmente tenue, tanto da non poter essere considerata punibile ai sensi dell’art. 131bis c.p.

NEWS

  • Sul ritardo procedimentale della P.A.

    06/07/2020

    Il T.A.R. Toscana, sez. II, con sentenza n. 783 del 23 giugno 2020, ha stabilito che sussiste l’elemento soggettivo della “colpa di apparato” quando a fronte dell’evidente dilatazione dei t...

  • Diritto d’autore e protezione del layout.

    06/07/2020

    La Cassazione Civile, con sentenza n. 8433 del 30 aprile 2020, ha stabilito che è tutelabile, ai sensi della Legge sul Diritto d’Autore, l'organizzazione dello spazio risultante dalla precisa co...

  • Appalti: diritto alla revisione prezzi dei contratti in caso di rinnovo

    30/06/2020

    Il Consiglio di Stato, sez. V, con sentenza del 16 giugno 2020 n. 3874, ha stabilito che, nel caso in cui l’appaltatore esprima la propria volontà di rinnovare il rapporto contrattuale è in...

 
Click to view our video